Voglio condividere con voi questa sperimentazione, che grazie all’aiuto del marito – improvvisato fotografo, è diventato un piccolo passo passo per realizzare una peonia.

Il materiale occorrente è:

  • Gumpaste (io ho usato la Satinice)
  • Wire n. 24 (ferretti ricoperti per fiori in pasta di zucchero) bianchi
  • guttaperca verde (nastro per fiori)
  • pistilli per fiori (io ho usato quelli Wilton)
  • tagliapasta rotondo (3 misure)
  • tagliapasta rotondo smerlato (3 misure)
  • un coltellino affilato
  • ball tool
  • veiner tool
  • tappetino per fiori
  • un vassoio di plastica per la frutta (quello per riporre la frutta nelle cassette, i fruttivendoli di solito li buttano via!)

Per fare qualsiasi tipo di fiori il tappetino è veramente necessario, così come il ball tool e il veiner tool che sono i due attrezzini basilari per il cake design.

Allora, per prima cosa stendete la pasta di gomma molto sottile. Tagliate un disco di pasta rotondo e poi con il coppapasta smerlato tagliate via solo la parte superiore del disco. Tagliate ai due lati in modo da formare un petalo (chiaramente se avete gli stampini appositi per i petali della peonia, fate prima…). Infilate il ferretto fino a metà petalo facendo attenzione a non forarlo.

Ora lavorate i bordi del petalo sul tappetino per fiori con il ball tool per assottigliarlo il più possibile e dare movimento al petalo. Con il veiner tool disegnate le venature del petalo, molto delicatamente.

Create almeno 4-5 petali per ogni misura, più qualcuno di scorta nel caso vi si rompano quando sono asciutti.

Ricoprite con la pellicola il vassoio da frutta e poggiateci sopra i petali ad asciugare tutta una notte in modo che prendano la forma.

Create i pistilli partendo da una pallina di gumpaste, incidetela in verticale e inserite un ferretto. Lasciate asciugare una notte e poi unite tre pistilli con la guttaperca, stringendo bene.

 

Unite anche i pistilli piccoli sempre con la guttaperca.

Adesso arriva il bello. Unite ai pistilli i vostri petali (che avete anche eventualmente colorato con colorante in polvere), uno alla volta, sempre con la guttaperca, partendo dai più piccoli. Purtroppo il fotografo in questa seconda fase era assente… e io avevo entrambe le mani impegnate…

ma la cosa a cui prestare maggiore attenzione è la delicatezza nel maneggiare i petali e il fatto di stringerli bene con la guttaperca, cercando di montarli in modo armonioso.

Se andate su Google e cercate le foto delle vere peonie, vedrete che nessuna è uguale all’altra, ne esistono di tantissime specie, aperte o chiuse, per cui non preoccupatevi se non sarà perfettamente simmetrica, credo al contrario che risulterà ancora più naturale.